Campionati Italiani Sprint e Coppa Italia: Veneto chiama, AOK risponde!

 Cison di Valmarino (Tv), 17 Aprile 2011. Il 16 e 17 aprile si sono svolti importanti impegni nazionali ai quali l’Aok non poteva mancare. Ai nastri di partenza i “fratelli” Davide e Michele Pecora. Partiti da Roma sabato in prestissima mattinata, grazie agli amici del Gos di Subiaco venuti in soccorso con il loro mitico pulmino, raggiungiamo Cison di Valmarino all'ora di pranzo; a farci compagnia anche  alcuni atleti del CCR e dell’Orsa Maggiore di Roma. Giusto il tempo per riprenderci dal lungo viaggio e si è già in clima gara. GIORNO 1, CAMPIONATI ITALIANI SPRINT Michele è costretto, come tutti gli atleti senior, alla “quarantena”  in cima al colle che sovrasta la cittadina, all’interno di un antico e maestoso Castello medioevale! La partenza di Davide è invece prevista in prossimità del ritrovo. A raccontare la gara le dichiarazioni dei 2 atleti: Michele : ”Ho veramente poco da dire, il morbo del primo punto continua a perseguitarmi e perdo ben 6’,un tempo infinito considerando un campionato sprint. Il morale è già a terra e un ulteriore errore, ben 3’ al quinto punto, mi fa perdere tutte le speranze di un buon piazzamento. Gara da dimenticare, mai entrato in carta e condizione atletica discutibile. Peccato! Toccherà pensare all’anno prossimo.” Per lui 75esimo posto su  90 partenti. (70esimo italiano). Davide: ”Alla prima parte con qualche esitazione tecnica segue un’ottima seconda parte di gara che mi ha permesso di ottenere un risultato pari alle aspettative” (35esimo su 65 partenti e 34esimo italiano). A vincere la cat. Elite e a conquistare il titolo nazionale è Alessio Tenani della Forestale con una gara da lui stesso definita”la gara della vita”. La Senior femminile se l' aggiudica la specialista Michela Guizzardi (cus Bologna)  Complimenti per il secondo posto nazionale all’atleta laziale ed amica Adrienne Brandi!  Un importante risultato è la conquista del titolo nazionale junior del romano Giacomo Nisi (CCR) che porta così l’ambito trofeo nel centro Italia. Bravo Giacomo! La giornata dei campionati Sprint si conclude con una “rimpatriata” con gli amici laziali consumando insieme un’abbondante cena all’albergo dove tutti alloggiamo. GIORNO 2, COPPA ITALIA Sveglia presto e tutti nel pulmino del Gos per raggiungere la vetta del Passo San Boldo per la terza prova di Coppa Italia. Per arrivare al ritrovo indimenticabile la parete di roccia “scalata” tramite ingegnose gallerie che permettono l’entrata in questa fantastica valle. Il primo colpo d’occhio va subito al rettilineo d’arrivo che tutti avremmo dovuto percorrere alla fine della gara, una salita di circa 80 metri seguita da una discesa con curva stile “chicane”. E' la salita a far davvero paura considerando il livello di stanchezza con cui l’avremmo percorsa. Dopo queste considerazioni e qualche foto di rito cominciano i preparativi per la partenza. Michele affronta il percorso MB e Davide l’M45. Michele: ” Parto concentrato per evitare il “morbo del primo punto” e riesco ad evitarlo! Le prime lanterne filano lisce senza forzare troppo, poi i primi errori; su 3 lanterne lascio circa 15’ e perdo l’occasione di un piazzamento fra i primi 10. La gara non è comunque da buttare via e riscatto parzialmente la pessima prestazione del giorno precedente. Solito problema è la stanchezza che continua a spezzarmi le gambe troppo presto!...” Michele conclude con un discreto 16esimo posto su 35 partenti. Davide: ”Gara faticosa. Difficoltà ai primi punti e parte centrale molto tecnica passata indenne; disastro al punto 11 in verde due dove perdo buoni 10’, ancora un paio di errori importanti prima della faticosissima salita che porta all’arrivo. Leggermente al di sotto delle aspettative il risultato finale.” (25esimo su 42 partenti). All’arrivo i polpacci sono doloranti messi a dura prova da un percorso costituito da dislivelli importanti e da lunghi tratti in costa; Davide e Michele vengono consolati da un massaggio muscolare al quale nessuno è intenzionato a rinunciare. La coppa Italia Elite maschile  è vinta a sorpresa da Manuel Negrello (Primiero) Nell’Elite femminile domina nuovamente Michela Guizzardi (Cus Bologna) e terza la nostra amica Maria Novella Sbaraglia (GOS) a cui facciamo il più grande in bocca al lupo per un veloce ritorno alla vittoria dopo vari acciacchi! Tanti complimenti da parte di tutti all’AOK alla fine della manifestazione…ma era solo per l’estrazione del numero di pettorale di Davide che gli permette di vincere uno zainetto e sottolineato più volte dalla voce dello speaker. Dopo il pranzo consumato nella zona del ritrovo e le premiazioni si riparte per affrontare il lungo viaggio di ritorno che passa tra sonnellini ed analisi post-gara. Buon orienteering a tutti.
Michele Pecora.



Joomla templates by a4joomla